Don Felice Sciosciammocca, ricco proprietario terriero (nonché primo cittadino) di un paesino della provincia campana, ha un nipote, Ciccillo, che mantiene a Napoli: quest’ultimo, dopo aver ottenuto dallo zio tutti i soldi necessari per gli studi universitari, ottiene anche le ingenti somme di denaro necessarie per aprire una clinica psichiatrica in città. Per lettera, don Felice, riceve dal nipote tutti i dettagli relativi alla clinica: il nome, la via, il numero di stanze, il numero di pazienti… Tutto procede bene, finché lo zio non decide di andare a verificare con mano il frutto dei suoi cospicui investimenti, gettando letteralmente nel panico Ciccillo! Già, perché l’amato nipote, non solo non ha mai aperto alcuna clinica psichiatrica, ma non si è mai nemmeno laureato: tutti i soldi di zio Felice sono serviti per consentirgli di fare la bella vita a Napoli e di pagare i continui debiti di gioco. Come potrà Ciccillo continuare a far credere allo zio le sue innumerevoli e fantasiose bugie? E dove troverà, in pochissimo tempo, un edificio da spacciare per manicomio e quindici pazzi da spacciare per suoi pazienti?

“Il medico dei pazzi” (insieme a “Miseria e nobiltà”) è il capolavoro assoluto di Eduardo Scarpetta, padre – con la sua strepitosa comicità di carattere – di tutta la commedia napoletana successiva, da quella dei fratelli De Filippo a quella di Totò, fino ad arrivare, per certi aspetti, a quella di Troisi e di Siani. Tuttavia, la cosa che, a mio avviso, rende pressoché unico questo testo è che – a differenza della grandissima maggioranza del resto del teatro partenopeo – è dotato di meccanismi comici talmente perfetti ed universali da poter prescindere dal dialetto originale. Innamorato da sempre della cultura, dello spirito e del dialetto napoletani, ho dunque tradotto in italiano la commedia, rendendola accessibile a tutti e lasciando che la sua dirompente carica comica venisse fuori dalle caratterizzazioni esilaranti dei personaggi, dal travolgente gioco di equivoci e dal sapiente intreccio di situazioni spassose.

 

Giacomo Moscato


1994-2018

Ventiquattro anni di Sogni!

24 anni

41 produzioni

658 repliche

79.859 spettatori

il

LABORATORIO TEATRALE

RIDI PAGLIACCIO

è un'Associazione Culturale

non a scopo di lucro

registrata presso

l’Ufficio del Registro

di Grosseto

ai sensi dell’art. 36 del C.C.

il 9 NOVEMBRE 1994.

Compagnia Teatrale

abilitata dalla

PRESIDENZA del

CONSIGLIO DEI MINISTRI

ed affiliata alla

F.I.T.A.

Federazione Italiana

Teatro Amatori.

 

Sede Legale:

via Ticino 26b 58100 Grosseto

Partita IVA: 01141930535

Codice Fiscale: 92027310538

 

INFORMAZIONI:

info@ridipagliaccio.it

 

presidente

GIACOMO MOSCATO

cell. 333/6140794

giacomo@ridipagliaccio.it

 

vice-presidente

LAURA SBRANA ADORNI

cell. 348/7760518

affabilel@libero.it